Oropa si prepara alla 5a Incoronazione

Si riporta l’articolo apparso sul Risveglio Popolare con ringraziamento alla redazione.

Con il Vescovo Monsignor Giacomo Goria, nato a Villafranca d’Asti il 28 ottobre 1571, ci fu il rilancio del Santuario di Oropa con l’organizzazione della prima incoronazione della statua della Madonna avvenuta il 30 agosto 1620.
Da allora, come segno di gratitudine alla Madonna, il rito dell’incoronazione si è rinnovato a scadenza centenaria nel 1720, nel 1820 e nel 1920; già fervono i preparativi per la quinta incoronazione prevista per il 26 agosto 2020.

 

4a Incoronazione: 29 agosto 1920

Si era appena conclusa la Grande Guerra ‘15-‘18 e gli anni che seguirono furono di grandi convulsioni sociali. Nonostante tutto, gli animi del biellesi si ritrovarono uniti nel nome della Santa Vergine.
Animatore della 4a incoronazione fu il nuovo Vescovo di Biella monsignor Giovanni Garigliano, che fin dall’anno precedente aveva inviato alla Diocesi una lettera entusiasta in vista dell’evento quattro volte centenario.
Missioni e Novene preparatorie furono tenute in tutte le Parrocchie. Non occorsero apparecchiature provvisorie; come solenne apparato fu utilizzato il pronao della Chiesa nuova appena ultimato. La Regina Madre Margherita, inviò un manto di seta perlinato. Fu realizzata una sfarzosa illuminazione elettrica.
Al mattino il corteo che trasportava la Statua si mosse dalla Basilica formato da numeroso Clero, da 16 Vescovi, dai Cardi-nali Giovanni Cagliero (salesiano) ed Agostino Richelmy, arcivescovo di Torino; seguiva il Legato Pontificio Cardinale Teodoro Valfré di Bonzo, Arcivescovo di Vercelli, che presiedette il Pontificale.
Eseguito il Sacro Rito dell’Incoronazione il Vescovo di Biella Monsignor Garigliano lanciò l’invocazione “Viva Maria” ripetuto dall’immensa folla presente mentre tuonava il cannone a salve. Nel pomeriggio dal Coro di Torino “Stefano Tempia” fu eseguito l’Oratorio “Regina delle Alpi” del Maestro di Cappella del Santuario don Pietro Magri. Seguì il solenne Ottavario e tutto l’anno fino all’agosto 1921 fu dichiarato giubilare. Il concorso di presenze fu di 150mila persone. Attesero alla confessioni nella notte vigiliare ben 172 Sacerdoti. L’evento è stato memorizzato con un filmato.

Oratori Estivi 2018

E’ tutto pronto per la partenza delle attività che popoleranno gli oratori allo scoccare dell’ultimo giorno di scuola. Una composita crew di animatori, salesiani ed educatori hanno realizzato un’offerta estiva variegata e flessibile per adattarsi alle esigenze di tutti, sempre con il cuore, lo stile e l’allegria di Don Bosco!

Così vi raccontiamo le diverse proposte delle Parrocchie, gli Oratori e le Scuole della nostra Ispettoria del Piemonte e Valle d’Aosta.

AGNELLI

Facebook

Visita il sito

CROCETTA

Facebook

Brochure

MONTEROSA

Facebook

Visita il Sito

REBAUDENGO

Facebook

Visita il sito

SAN SALVARIO

Facebook

Visita il Sito

SAN PAOLO

Facebook

Brochure

VALDOCCO

Facebook

Brochure

VALSALICE

Facebook

Visita al Sito

ALESSADRIA

Facebook

Visita il sito

ASTI

Brochure

Brochure

BIELLA

Brochure

Visita il Sito

BRA

Facebook

Visita il sito

CASALE MONFERRATO

Facebook

Visita il Sito

CASTELNUOVO DB

Facebook

Brochure

COLLE DON BOSCO

Brochure

Brochure

CHIERI

Facebook

Visita al Sito

CHÂTILLON

Informazioni

Visita al Sito

 

 

 

CUNEO

Facebook

Brochure

CUMIANA

Facebook

Brochure

LANZO

Facebook

Segui FB

LOMBRIASCO

Informazioni

Iscrizioni & Info

NOVARA

Instagram

Visita il Sito

PINEROLO

Info

Iscrizioni & Info

RIVOLI

Facebook

Brochure

San BENIGNO

Facebook

Brochure

 

 

VENARIA

Facebook

Visita il sito

VERCELLI

Facebook

Brochure

VIGLIANO BIELLESE

Facebook

Brochure

IVREA

Facebook

Visita il sito

SALUZZO

Informazioni

Visita il Sito

Lo spirito olimpico dei bambini dell’Istituto ‘Cagliero’

Si riporta l’articolo apparso sul Risveglio Popolare con ringraziamento alla redazione.

Nell’assolata giornata dello scorso giovedì 19 aprile si sono svolte all’Istituto “Cardinal Cagliero” le tanto attese Olimpiadi della scuola primaria. Il tempo poco clemente delle precedenti settimane ha purtroppo frenato l’entusiasmo dei bambini, che hanno visto slittare un evento da loro molto atteso.
Finalmente il sole è uscito e così quel mattino, intorno alle 10, i giovani atleti sono stati divisi in cinque squadre rappresentanti i cinque continenti. Come ogni manifestazione olimpica che si rispetti, le competizioni sono iniziate solo dopo il giuramento dei giudici di gara (insegnanti) e degli atleti. Successivamente due tedofori, ovvero due alunni della classe quinta, hanno acceso il braciere dando il via alle gare.

Divisi in categorie, maschile e femminile e per fascia di età, gli atleti hanno potuto cimentarsi in prove di lancio del peso, salto in alto, salto in lungo, tiro al bersaglio con arco e frecce, lancio del giavellotto, corsa di resistenza e di velocità negli ampi spazi all’aperto dell’Istituto.
Nel pomeriggio, dopo aver riacquistato le energie grazie al pranzo, si sono svolte le finali delle gare di corsa e la giornata si è conclusa intorno alle 16 con le premiazioni dei vincitori, ma anche con la consegna di una medaglia a ciascun partecipante, per poter portare a casa un ricordo della divertente iniziativa, e come premio per l’impegno dimostrato.
Si è trattato di un evento che ha richiesto un grande dispendio di energie da parte degli insegnanti nell’organizzazione e nello svolgimento: ma sicuramente le Olimpiadi del “Cagliero” hanno fornito un’ottima occasione per meglio far comprendere ai bambini il valore dello sport e del sano spirito di competizione. Altro positivo riscontro della manifestazione è stato di certo il senso di responsabilità acquisito dai bambini di quinta elementare, che hanno accompagnato e sostenuto i più piccoli durante le gare, facendo il tifo per i giovanissimi campioni.

Viaggio in Patagonia

Si riporta l’articolo apparso sul Risveglio Popolare con ringraziamento alla redazione.

E’ stata un’esperienza emozionante quella vissuta nel viaggio in Patagonia (e non solo), tra l’8 e il 22 febbraio scorsi, da un gruppo di amici che ormai da molti anni vivono insieme simili progetti di viaggi. Gran parte di queste 24 persone risiede a San Benigno, Volpiano e nel Basso Canavese; la competenza organizzativa è di Maria Clara Sasso, in collaborazione con Antarctica di Torino.
E’ stato (anche) un tuffo nell’italianità argentina, con la guida Yamila (figlia di immigrati della nostra Penisola, a dispetto del nome), che ha fatto incontrare gli ospiti con la sua famiglia di origine calabrese trasferitasi in Argentina negli anni ’50. Fra un dolce italiano e il tradizionale mate, Pierino Coccimiglio e suo fratello hanno mostrato con orgoglio la loro piccola azienda che lavora il cuoio in località Matanza a Buenos Aires, e raccontato la lotta quotidiana per portare avanti l’attività.
Il viaggio è poi proseguito verso Ushuaia, la fine del mondo, cittadina all’estremo sud della Patagonia, nella Terra del Fuoco, da dove partono tutte le spedizioni per l’Antartide. Terra a sua volta “italianissima”, che ricorda anche don Bosco e tanti Salesiani, come il cardinal Cagliero e l’esploratore don Alberto De Agostini. Scenari grandiosi si sono susseguiti dal lago Argentino con i suoi iceberg fino al ghiacciaio Upsala; e soprattutto al Perito Moreno in tutta la sua maestosità e grandezza.
Non sono mancate capatine in Cile, al Torres del Paine dalle splendide montagne, e in Brasile, alle spettacolari cascate dell’Iguazu.
E sempre, ovunque, trovando gente che, al sentir parlare italiano, raccontava di un parente o amico con nostre origini: insomma, un viaggio “alla fine del mondo” per scoprire che ovunque, anche nelle zone più remote, l’Italia ha portato i suoi valori.
g.m.

Ivrea: una festa nella festa

Si riporta, qui di seguito, la notizia apparsa il 1º Febbraio 2018 sul settimanale canavesano “Il Risveglio Popolare” relativa alle iniziative salesiane eporediesi per i festeggiamenti della Festa di Don Bosco, dei 125 anni di presenza salesiana sul territorio e del 101° compleanno di don Nicola Faletti (classe 1917):

“Dico che voi siete proprio bravi, io… non ancora!” Esordisce così – suscitando sorrisi ed applausi – don Nicola Faletti (classe 1917) salutando e ringraziando i numerosi ospiti presenti all’Istituto Missionario Salesiano “Card. Cagliero” di Ivrea convenuti in occasione delle celebrazioni nella ricorrenza annuale della festa di don Bosco. Un evento  particolarmente sentito nell’occorrenza dei 125 anni di presenza salesiana in terra eporediese. Festa nella festa per il 101° compleanno dello stesso don Nicola. Amici, ex allievi, parrocchiani di Cuorgnè, di Villa Castelnuovo e delle tante comunità visitate ed animate negli anni dal centenario sacerdote hanno inviato nei giorni scorsi auguri e saluti riconoscenti al prete, all’amico, al pastore. In molti vengono a fargli visita ed un po’ di compagnia. Dal canto suo don Nicola ringrazia, benedice, si informa sulla salute dei suoi ospiti dei loro familiari e chiede notizie di amici comuni ed assicura la sua preghiera per i vivi e per i defunti. Attorno a don Nicola fanno corona i salesiani della sua comunità che registrano con orgoglio tanta riconoscenza e gratitudine per il loro confratello: “Oh quanto devo a don Faletti!” esclamano in molti ricordando la sua presenza e  vicinanza in momenti felici e tristi, nascite, battesimi, matrimoni, malattie e funerali. Con la sua Panda (ricorda qualcuno che ultimamente si vedesse solo il cappello dell’autista) lui era lì per stare accanto ed aiutare tutti e ciascuno a trasformare quel vissuto in incontro con Dio. “Ormai son passati tanti anni – ricorda un’anziana signora – quando è mancato mio marito, avevano chiuso le strade, ma don Faletti non ha rinunciato a venire per il rosario e l’ultimo tratto lo ha percorso a piedi! Non ce lo siamo mai dimenticati”. E se l’ospite si ferma a pranzo, don Nicola sereno e beato conclude: “mangeremo qualcosa  e berremo un buon bicchiere!”

Leggi la notizia completa

 

Gli Asterischi del Vescovo del 1° febbraio

Si riporta l’articolo apparso sul Risveglio Popolare con ringraziamento alla redazione e  al nostro vescovo Edoardo.

E’ sempre una grande gioia per me celebrare la festa di Don Bosco in Cattedrale, come lo è incontrare i ragazzi del “Cagliero” ogni volta che vado a trovarli, pure quelli di S. Benigno.
Don Bosco è qui!

Questo “è qui” – che i cristiani dei primi secoli scrissero sul muro della tomba di Pietro nel cimitero Vaticano: “Petros eni… Pietro è qui” – è una grande verità: i nostri Santi non continuano a vivere solo in cielo, ma sono qui tra noi perché vivono in Cristo, nel Signore risorto; e in Lui, presente tra noi, ci sono anche loro presenti e vivi… Sono qui tra noi, inoltre, perché la loro fede, la testimonianza della loro vita, l’opera che hanno compiuto continuano nella Chiesa. Tutto ciò che Don Bosco ha vissuto, il patrimonio di immenso valore che ci ha lasciato, è preziosa eredità.
A questo proposito Papa Francesco ha detto recentemente: “Quello che tu erediti dai tuoi padri riguadàgnatelo, per possederlo… Uno dei limiti delle società attuali è di avere poca memoria, e questo ha delle conseguenze gravi: si diventa preda dei capricci e delle voglie del momento, schiavi di falsi miti che promettono la luna, ma ci lasciano delusi e tristi, alla ricerca spasmodica di qualcosa che riempia il vuoto del cuore. Ma l’eredità non basta custodirla. Occorre camminare: camminare sulla strada attraverso la quale arriva a noi la grande tradizione della fede, sulla quale ha camminato una moltitudine di testimoni che da duemila anni rinnovano l’annuncio dell’avvenimento del Dio-con-noi. Riguadagnare la propria eredità è un impegno a cui la Madre Chiesa chiama ogni generazione, senza lasciarsi spaventare da fatiche e sofferenze, che fan parte del cammino. Solo riguadagnando il vero, il bello e il buono che i nostri padri ci hanno consegnato, potremo vivere come un’opportunità il cambiamento d’epoca in cui siamo immersi, come occasione per comunicare agli uomini la gioia del Vangelo”.
La gioia del Vangelo! E’ la gioia che Don Bosco ha vissuto, in mezzo a tante difficoltà e a tanti sacrifici; la gioia che Gesù non solo annuncia come possibile ma che Egli dona a coloro che lo accolgono e lo seguono… Egli è venuto a portar ciò che rende piena la vita. Non toglie nulla; aggiunge al nostro vivere quel “centuplo” che dà alla vita la pienezza che il nostro cuore desidera.
“Don Bosco è qui” e noi guardiamo il suo volto, sul quale è riflesso innanzitutto il suo amore per i giovani, il suo desiderio fortissimo di portarli all’incontro con Gesù Cristo.
Capì che nel suo tempo, all’apparenza ancora segnato da religiosità, stava innescandosi un processo di scristianizzazione che avrebbe allontanato i giovani – e non solo essi – dalla fede. Capì gli effetti disastrosi di una ideologia che lavorava a scardinare la fede relegando in un cantuccio i credenti ed accettandone la presenza solo se disponibili a collaborare alla realizzazione di un progetto di società pensato in chiave anticattolica ed anticristiana. Capì ciò che altri pure capivano, ma non fece l’errore di ritirarsi in sterili polemiche: si piantò coraggiosamente nel campo della società, creò forme nuove, organizzò la presenza cattolica nell’educazione, nel lavoro, nella società.
Diceva in un Discorso del 1879, pubblicato con il titolo: “Non abbiamo paura!”: “Già Tertulliano diceva a’ pagani: Voi non ci volete perché cristiani: e noi v’abbiamo già empito il vostro esercito, le vostre piazze, traffichiamo con voi nei mercati, ci affratelliamo in tutte le cose, lasciamo a voi solo i templi de’ vostri idoli. Anche i Salesiani diranno: Voi non volete più frati, né religiosi, e noi verremo a farci laureare nelle vostre università per difendere il più caro patrimonio del genere umano, le verità che salvano. Bene, noi saremo artigiani nelle vostre botteghe e lavoreremo come servi fedeli del Padre di tutti; noi saremo chiamati coscritti nei vostri reggimenti, e faremo rispettare le virtù e la religione che non si conoscono se non per bestemmiarle; oh sì, vogliamo intrometterci tra voi dappertutto, e lasceremo ai nemici della religione solo le tane dei vizii. I Salesiani si son gettati nel mezzo di una società in movimento, in progresso, ed essi devono dire con vivace parola: Fratelli, anche noi corriamo con voi; e con amabile affabilità fermarli seco, quasi a divertirli con una cert’aria di novità”.
Amici, Don Bosco è qui!

† Edoardo, vescovo

Cardinal Cagliero di Ivrea: una vocazione missionaria da 125 anni

Un inizio carico di significato quello dei 125 anni della casa salesiana di Ivrea, dedicata ad uno dei primi giovani missionari di Don Bosco, il Cardinal Cagliero.

Domenica 17 settembre si è infatti svolta di inizio anno scolastico che ha radunato allievi e genitori delle scuole elementari e medie dell’Istituto. In questo contesto l’Eucaristia è stata presieduta da Mons. Luigi Bettazzi, Vescovo emerito di Ivrea, che contestualmente celebrava i 50 anni di presenza nella città eporediese.

“Nel mio lungo viaggiare per il mondo come presidente di Pax Christi ho potuto constatare come nei luoghi più impensati trovassi la presenza di missionari o ex allievi che proprio da questo Istituto erano partiti” Mons. Luigi Bettazzi

La festa, che ha goduto inoltre della presenza degli ultimi due direttori della casa, Don Eligio Caprioglio e Don Riccardo Frigerio, è continuata, in puro stile salesiano, con la condivisione del pranzo ed un pomeriggio di giochi per ragazzi e genitori insieme.

Un ulteriore momento significativo è stato la visita di una nutrito gruppo di missionari salesiani provenienti da tutto il mondo che, guidati dal Consigliere Generale per la Missioni, Don Guillermo Basañes, hanno potuto visitare quello che rappresenta un pezzo importante della storia missionaria salesiana in preparazione del Mandato Missionario che si è tenuto a Valdocco domenica 24 settembre.

100 anni sulle orme di don Bosco: don Nicola Faletti

Domenica 19 Febbraio, alle ore 10,15, presso la Chiesa dell’Immacolata Concezione di Cuorgné don Nicola Faletti, salesiano di don Bosco, festeggerà il suo 100° genetliaco. A presiedere la Solenne Concelebrazione vi sarà Mons. Pier Giorgio Debernardi, Vescovo di Pinerolo.

Sarà occasione per la Città di Cuorgnè, per la Parrocchia San Dalmazzo Martire, per la Famiglia salesiana e per gli amici della Compagnia di San Callisto Caravario, di stringersi intorno ad un sacerdote che incarna profondamente lo spirito di don Bosco e che con instancabile zelo si è sempre prodigato per il bene della popolazione della Città natale di Callisto Caravario e di Villa Castelnuovo.

Invito della Compagnia di San Callisto Caravario

Riportiamo uno stralcio di un articolo, a firma Giovanni Costantino, apparso sul quotidiano online di Avvenire:

100 anni sulle orme di don Bosco. Il salesiano don Faletti festeggia il secolo di vita

Per oltre 70 anni è stato il punto di riferimento degli istituti salesiani di San Benigno e Cuorgnè (Torino): insegnante, animatore, organizzatore di attività artistiche e culturali

Cento anni spesi per don Bosco. Il Canavese salesiano (e non solo) festeggia il secolo di vita di don Nicola Faletti, decano dei salesiani piemontesi. Nato il 26 gennaio 1917 a San Raffaele Cimena, nel Chivassese, entrò a Valdocco per frequentare le scuole medie. Presentato al beato don Filippo Rinaldi, rettor maggiore e terzo successore di don Bosco, ne ricevette la benedizione. Il 9 giugno 1929 assistette commosso alla traslazione della salma di don Bosco dal collegio di Valsalice alla Basilica di Maria Ausiliatrice. In questi anni, ammirato dai racconti dei missionari salesiani, maturò in lui la vocazione che lo porterà ad essere ordinato sacerdote il 2 luglio 1944. Nel marzo 1930 partecipò come cantore alla Messa di trigesimo ordinata a ricordo dell’eccidio in Cina di don Callisto Caravario, il missionario salesiano martirizzato nella missione di Linchow (Cina).

Alla funzione, officiata nella Basilica di Maria Ausiliatrice, partecipava anche Rosa Morgando, madre del religioso trucidato. Diversi anni dopo proprio don Nicola Faletti diverrà custode della memoria e dei luoghi del martire canavesano, nato a Cuorgnè ( Torino) l’8 giugno 1903. Ogni anno accoglieva gruppi di giovani e di fedeli provenienti dall’Estremo Oriente per visitare il paese d’origine di san Callisto Caravario. Per oltre 70 anni don Nicola è stato punto di riferimento degli istituti salesiani di San Benigno e Cuorgnè (Torino): insegnante, animatore, organizzatore di varie attività artistiche e culturali.

Gli oltre 30 anni di ministero parrocchiale a Villa Castelnuovo (dal 1972 al 1974 e dal 1987 ad oggi) e i 50 anni di servizio sacerdotale come cappellano presso la casa salesiana Maria Luisa Vaschetti a Castelnuovo Nigra lo hanno sempre visto amico e guida di ogni fedele. Da alcuni anni il religioso è ospite dell’Istituto Cardinale Cagliero di Ivrea, continuando il suo ministero sacerdotale a Castelnuovo e a Cuorgnè. «Il suo sorriso, il suo esempio e la sua fede cristallina – spiegano i parrocchiani – trascinano ciascuno di noi.

Con il suo stile da umile parroco di campagna dimostra una forza impressionante in grado di sorreggere ciascuno di noi nella nostra fragilità».

Vai alla pagina di Avvenire

PhotoGallery dal Web