Melisenda Mondini nuova direttrice dell’Istituto Cardinal Cagliero

Il 28 maggio 2020 l’Ispettore don Enrico Stasi, dopo un lungo cammino condiviso con i laici dell’Istituto Cardinal Cagliero di Ivrea, ha comunicato al personale dell’Istituto ed ai genitori degli allievi la decisione di nominare Melisenda Mondini, Salesiana cooperatrice che insieme ad un gruppo di Cooperatori già da anni coopera all’interno della casa, come nuova direttrice dell’opera.

Questa nuova gestione avrà a capo un Consiglio di Indirizzo presieduto dall’Ispettore con la presenza del Delegato di Pastorale Giovanile, l’Economo ispettoriale, la Direttrice dell’Opera e il Delegato salesiano per la casa di Ivrea che nominerò prossimamente. La gestione ordinaria della Scuola, come avviene in tutte le nostre case, sarà sotto la responsabilità del Consiglio della CEP e delle diverse equipe educative e di coordinamento.
don Enrico Stasi – Ispettore

Il permanere dei consacrati salesiani permetterà di assicurare la dovuta continuità oltre che un aiuto e sostegno per la nuova direzione.

E’ da anni che un gruppo di Salesiani cooperatori ha preso a cuore la missione salesiana all’interno dell’Opera come una scelta anche di vita oltre che professionale. Negli anni tutti i ruoli di responsabilità erano stati affidati a laici tra cui molti cooperatori ed è venuto quasi naturale che anche la direzione fosse affidata ad un membro della Famiglia salesiana. La dott.ssa Mondini insieme all’équipe di laici che vi ho citato e a tanti altri che lavorano al Cagliero sono per me una garanzia assoluta della salesianità della nostra Scuola. Pertanto il Cagliero rimane una Scuola salesiana a tutti gli effetti anche se la direzione non è più di un sacerdote salesiano. Le figure di riferimento che avete potuto apprezzare in questi anni rimarranno, come anche lo stile educativo che contraddistingue il “Card. Cagliero”.
don Enrico Stasi – Ispettore

 

Le CLIL al Cagliero

Una dimensione chiave per il miglioramento dei curricoli scolastici

CLIL è l’acronimo di Content Language Integrated Learning, un termine introdotto nel 1994 da due professori universitari che per primi intuirono l’importanza dell’apprendimento integrato di contenuti disciplinari in lingua straniera veicolare. In Italia le lezioni CLIL vengono introdotte nella scuola secondaria di secondo grado con la riforma del 2010, mentre è del 2012 la raccomandazione Rethinking Education della Commissione Europea nella quale la competenza linguistica in lingua straniera è definita una dimensione chiave per la modernizzazione dei sistemi di istruzione europei e la metodologia CLIL è rappresentata come il motore del rinnovamento e del miglioramento dei curricoli scolastici.

Il nostro Istituto ha introdotto le lezioni CLIL nel 2016, portandole anche nella scuola secondaria di primo grado e nella scuola primaria. Abbiamo costituito un team che opera tramite una cooperazione programmata nella didattica tra due o più docenti di cui almeno uno nella materia disciplinare e almeno uno madrelingua inglese che armonizzano i loro metodi, stili, tecniche, strategie per una crescita professionale e una didattica efficace. Questa tipologia di lavoro porta naturalmente il docente ad allontanarsi dalla didattica frontale “One classroom, one teacher” verso metodologie più collaborative e innovative come la didattica laboratoriale, peer to peer, debate. Dal punto di vista linguistico, la presenza dell’insegnante madrelingua rende la lingua non solo un’attività, ma un’attività in movimento che, a seconda della progettazione dei docenti, può essere più orientata al contenuto oppure alla lingua inglese. I nostri allievi possono usufruire di questa importante innovazione didattica fin dalla prima classe della scuola primaria con un’ora alla settimana, con due ore alla settimana in quarta e quinta primaria e con tre ore alla settimana per tutta la scuola secondaria di primo grado. Le discipline coinvolte sono molteplici: storia, geografia, tecnologia, scienze, informatica, arte, musica, religione.

Ecco un esempio di una lezione CLIL di scienze in una classe terza della scuola primaria:

Ellie & Maggie

Due nuovi amici per le classi seconda della scuola primaria

Ellie e Maggie sono due peluches che gli alunni delle classi seconda della scuola primaria hanno adottato. Ogno allievo, a turno, porta a casa uno dei due pupazzi per una settimana e, su di un quaderno, appunta tutte le attività e le avventure che vivono insieme, le persone e i componenti della famiglia che gli fa incontrare, le storie che gli racconta o i film che guardano insieme. Tornati in classe presentano ai propri compagni il libro delle avventure e, aiutati dalla maestra, raccontano a tutti cosa hanno fatto insieme. Cosa c’è di speciale? Presto detto, tutto viene svolto in lingua inglese!

Per questa sua prima avventura Ellie ha fatto qualcosa di veramente speciale: è stata a Roma, camminando lungo la via Francigena con il grande Andrea De Vicenzi atleta che, con una gamba sola, ha percorso i mille chilometri del pellegrinaggio da Aosta a Roma. Di lui parla anche la Gazzetta dello sport.

Un sincero grazie al piccolo Francesco che ci ha fatto conoscere questa incredibile storia, se questo è l’inizio… chissà quante altre avventure ci faranno vivere Ellie & Maggie!

Imparare giocando

Il gioco può favorire l’apprendimento significativo

Esistono diversi tipi di apprendimento, classificati da studiosi di ambiti differenti: l’apprendimento significativo è universalmente riconosciuto come quello più efficace e duraturo che si possa sperimentare.

Il gioco possiede tutte le caratteristiche perché, attraverso di esso, si realizzi un apprendimento significativo, in quanto è in grado di integrare molteplici componenti:

  • affettive (il divertimento, il piacere)
  • sociali (la squadra, il gruppo, il rispetto delle regole)
  • motorie e psicomotorie (il movimento, la coordinazione, l’equilibrio),
  • cognitive (l’elaborazione di strategie di gioco, l’apprendimento di regole)
  • emotive (la tensione, la sfida, il senso di liberazione, la paura)
  • culturali (le modalità di relazione, il significato del gioco stesso)
  • transculturali (la necessità delle regole condivise, il linguaggio comune del gioco)

Il gioco è quindi un’esperienza complessa e coinvolgente che permette ai bambini di partecipare, di essere protagonisti, di apprendere attraverso il fare, in modo costante e naturale, accrescendo le loro conoscenze e competenze.

Le attività di didattica ludica sono il frutto di un continuo aggiornamento delle nostre insegnanti che stimolano gli alunni a giocare seriamente e ad imparare in modo giocoso. Le lezioni frontali, che costringono ad immani sforzi di attenzione i bambini, sono di concezione ormai superata e lasciano il via libera all’avventura dell’apprendimento giocoso, divertente. Si tratta di sviluppare una didattica che sia in grado di cogliere il bisogno di coinvolgimento e di gioco dei bambini e al tempo stesso capace di essere efficace per gli obiettivi che si propone. Siamo ben consapevoli che ad una strategia didattica efficace è necessario affiancare  un clima di benessere diffuso, coltivato in classe dando fiducia agli allievi, sapendo che loro hanno il potere di imparare sempre, anche e soprattutto giocando.

Il gioco africano Awalè, conosciuto anche come il gioco della semina e del raccolto, ben si presta all’apprendimento delle decine, delle unità e del valore posizionale delle cifre nella classe prima della scuola primaria.

Festa dei nonni 2019

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nunc aliquet tempor lectus in suscipit. Donec non accumsan purus. Nulla quam quam, dapibus ut nulla mattis, luctus lobortis nisl. Fusce consectetur, dui nec malesuada fringilla, purus nulla volutpat ante, nec feugiat nibh lacus et sapien. Proin nec dictum mauris. Etiam finibus tortor id ultrices scelerisque. Vestibulum ante ipsum primis in faucibus orci luctus et ultrices posuere cubilia Curae; Donec mattis ligula nec enim tristique, sit amet convallis lectus tincidunt. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed non accumsan massa, laoreet posuere metus.

Etiam ut urna id urna imperdiet varius. Nunc fermentum sagittis ipsum, in ultrices tortor fermentum vel. Donec ut dictum ex. Curabitur pharetra ex sapien, id luctus magna semper eget. Sed tempor, libero at ultricies auctor, enim nisl fringilla ligula, vitae aliquam sapien enim quis purus. Maecenas rutrum tortor elementum iaculis mollis. Sed orci odio, semper a nisl eu, placerat tincidunt metus. Nam id orci gravida, tempor nisl eget, aliquam odio. Etiam sed feugiat dolor. Vivamus vel aliquet tellus. Maecenas vel feugiat enim, non pellentesque elit. Morbi commodo accumsan nunc, quis facilisis mi sodales id. Nulla mollis nec tortor vel ornare. Aenean molestie faucibus aliquet. Vestibulum rhoncus justo ut risus euismod faucibus. Proin vel libero in orci viverra dapibus.

Al Cagliero, si riparte insieme

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nunc aliquet tempor lectus in suscipit. Donec non accumsan purus. Nulla quam quam, dapibus ut nulla mattis, luctus lobortis nisl. Fusce consectetur, dui nec malesuada fringilla, purus nulla volutpat ante, nec feugiat nibh lacus et sapien. Proin nec dictum mauris. Etiam finibus tortor id ultrices scelerisque. Vestibulum ante ipsum primis in faucibus orci luctus et ultrices posuere cubilia Curae; Donec mattis ligula nec enim tristique, sit amet convallis lectus tincidunt. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed non accumsan massa, laoreet posuere metus.

Etiam ut urna id urna imperdiet varius. Nunc fermentum sagittis ipsum, in ultrices tortor fermentum vel. Donec ut dictum ex. Curabitur pharetra ex sapien, id luctus magna semper eget. Sed tempor, libero at ultricies auctor, enim nisl fringilla ligula, vitae aliquam sapien enim quis purus. Maecenas rutrum tortor elementum iaculis mollis. Sed orci odio, semper a nisl eu, placerat tincidunt metus. Nam id orci gravida, tempor nisl eget, aliquam odio. Etiam sed feugiat dolor. Vivamus vel aliquet tellus. Maecenas vel feugiat enim, non pellentesque elit. Morbi commodo accumsan nunc, quis facilisis mi sodales id. Nulla mollis nec tortor vel ornare. Aenean molestie faucibus aliquet. Vestibulum rhoncus justo ut risus euismod faucibus. Proin vel libero in orci viverra dapibus.

Romeo e Giulietta tornano alle elementari

Una versione rivisitata in chiave moderna del celebre capolavoro di William Shakespeare è il frutto del laboratorio teatrale delle classi seconda A e quinta A della nostra scuola primaria. Qui per una volta con un lieto fine.

Corsa dei santi – settima edizione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nunc aliquet tempor lectus in suscipit. Donec non accumsan purus. Nulla quam quam, dapibus ut nulla mattis, luctus lobortis nisl. Fusce consectetur, dui nec malesuada fringilla, purus nulla volutpat ante, nec feugiat nibh lacus et sapien. Proin nec dictum mauris. Etiam finibus tortor id ultrices scelerisque. Vestibulum ante ipsum primis in faucibus orci luctus et ultrices posuere cubilia Curae; Donec mattis ligula nec enim tristique, sit amet convallis lectus tincidunt. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed non accumsan massa, laoreet posuere metus.

Etiam ut urna id urna imperdiet varius. Nunc fermentum sagittis ipsum, in ultrices tortor fermentum vel. Donec ut dictum ex. Curabitur pharetra ex sapien, id luctus magna semper eget. Sed tempor, libero at ultricies auctor, enim nisl fringilla ligula, vitae aliquam sapien enim quis purus. Maecenas rutrum tortor elementum iaculis mollis. Sed orci odio, semper a nisl eu, placerat tincidunt metus. Nam id orci gravida, tempor nisl eget, aliquam odio. Etiam sed feugiat dolor. Vivamus vel aliquet tellus. Maecenas vel feugiat enim, non pellentesque elit. Morbi commodo accumsan nunc, quis facilisis mi sodales id. Nulla mollis nec tortor vel ornare. Aenean molestie faucibus aliquet. Vestibulum rhoncus justo ut risus euismod faucibus. Proin vel libero in orci viverra dapibus.